Radio Risposta Web

Multe

, 9 Gennaio 2017

Chiunque si accinga a prendere la patente impara ben presto che esiste un codice della strada, fatto di regole, divieti e sanzioni per chi non lo rispetta. Non passerà poi molto tempo prima che si ritrovi una multa, per eccesso di velocità o divieto di sosta. Per fortuna, non essendo i vigili onnipresenti, le multe che riceviamo sono generalmente molto inferiori alle infrazioni commesse. A volte capita di trovare il vigile clemente che chiude un occhio, o di vederci annullata la multa grazie all’intervento dell’amico “che conosce qualcuno”. Ma normalmente le multe che prendiamo vanno pagate e in tempi abbastanza stretti per evitare di incappare in provvedimenti peggiori. Infatti il guidare correttamente, senza commettere infrazioni, fosse anche per un anno intero, non cancella le infrazioni commesse in precedenza, né annulla le relative sanzioni.

Dal punto di vista spirituale, siamo in una situazione analoga. Siamo  automobilisti indisciplinati, che passano col semaforo rosso, parcheggiano in doppia fila, superano i limiti di velocità e così facendo ogni giorno accumulano “multe” a loro carico; se un giorno o un mese o un anno  riusciamo a guidare bene e non commettiamo infrazioni non per questo cancelliamo le multe che abbiamo preso in precedenza ma semplicemente evitiamo che ce ne diano altre.

Forse stai pensando che non sei un guidatore così malvagio; il punto è che il codice che siamo chiamati a rispettare, quello contenuto nella Bibbia, quello conforme alla volontà di Dio, è di un livello eccezionalmente alto, perché rispecchia lo standard morale dell’Autore, e riguarda non sono le cose che facciamo  ma anche quelle che non facciamo, le parole che pronunciamo, i pensieri che abbiamo fatto. Ne abbiamo un esempio nel sermone sul monte in cui Gesù ci mostra alcuni esempi di infrazioni: adirarsi o insultare un fratello (Matteo 5:22), desiderare una donna che non sia la legittima moglie (Matteo 5:28), non amare i propri nemici, non pregare per chi ci perseguita (Matteo 5:44), non perdonare gli altri, non fare agli altri quello che vorresti fosse fatto a te (Matteo 7:12). Sono tutte cose che non pensiamo neanche che siano infrazioni ma agli occhi del Santissimo sono tutti peccati; il Dio perfetto infatti vuole che i suoi figli siano perfetti (Matteo 5:48).

La polizia sanziona solo una parte delle infrazioni che commettiamo e a volte, per clemenza o convenienza, chiude un occhio ma Dio che vede tutto, anche il cuore dell’uomo, sanziona ogni cosa e non può chiudere un occhio perché è troppo santo per farlo. Il nostro problema è che siamo carichi di multe ma non abbiamo i soldi per pagare, abbiamo bisogno di qualcuno che paghi le multe al posto nostro altrimenti rischiamo di finire in prigione. Dal punto di vista di Dio basta infatti una sola piccolissima multa per impedirci l’accesso al Paradiso. Non è come la patente a punti, in cui puoi recuperare i punti perduti frequentando appositi corsi o semplicemente evitando di prendere sanzioni per due anni di fila. Dio è talmente santo, talmente perfetto che basta una piccolissima multa e sei tagliato fuori dalla comunione con Lui, ti è precluso l’ingresso nel regno.

L’unica speranza di salvezza è che qualcuno paghi al nostro posto. E questo qualcuno è Cristo. Qui sta la differenza con le altre religioni; tutte o quasi ti insegnano che esiste una entità superiore, che esiste un codice della strada da rispettare, che  le infrazioni vengono punite in un modo o nell’altro, che devi pagare per le multe prese facendo fioretti, penitenze, opere buone, elemosine oppure  scontando un certo periodo di tempo in un luogo chiamato purgatorio  ma la Scrittura ti rivela che è Dio stesso che da un lato ti fa la multa, dall’altro ha escogitato un sistema per pagare COMPLETAMENTE E DEFINITIVAMENTE  le multe al posto tuo. Questo sistema è la croce; Cristo andando a morire volontariamente ha pagato per le tue multe, per i tuoi debiti, per i tuoi peccati. Se qualcuno pensa che non ci sia un codice della strada, che non ci sia un giudice, che non debba pagare per le multe che prende o che possa pagare in qualche modo, sappia che è una tragica illusione.  Ma sappia anche che quello stesso Dio ti promette che tutte le tue multe saranno cancellate se semplicemente credi che Cristo le ha pagate per te.

Share Button

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notify of
WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien